Close
#SaveRummo - la solidarietà corre su Facebook dopo l’alluvione a Benevento

#SaveRummo – la solidarietà corre su Facebook dopo l’alluvione a Benevento

#SaveRummo: la solidarietà corre su Facebook dopo l’alluvione a Benevento

I social network ogni tanto riescono a mostrare il loro volto positivo diventando strumenti importanti per campagne di solidarietà

Ma andiamo con ordine.

Nella notte tra il 14 ed il 15 ottobre 2015, a causa del maltempo, un’alluvione colpisce Benevento mandando in tilt l’intera città campana.

Ad aggravare il tutto, però, sono i danni che subisce il capannone della pasta “Rummo”, un brand storico che dà lavoro a decine e decine di persone che, oggi, rischiano di perdere il posto.

Gli utenti, però, non sono stati inermi di fronte alla disgrazia ed è stato subito creato un evento su Facebook: “#SaveRummo: Un pacco di pasta fa la differenza.” Con oltre 145mila partecipanti.

L’invito, però, non è fine a se stesso: attraverso l’hashtag #SaveRummo gli utenti sono invitati a comprare la pasta Rummo e pubblicare la foto nell’evento in modo da dare una mano concreta all’azienda che, con fatica, prova a risollevarsi.

Oltre all’evento, da notare la crescita vertiginosa della pagina Facebook dell’omonimo brand a dir la verità poco utilizzata prima del tragico evento (l’ultimo post pre-alluvione era datato 31 agosto ed il penultimo addirittura il 6 maggio).

Nel momento in cui si scrive – Martedì 27 ottobre 2015 – i “mi piace” sono aumentati di oltre il 200% arrivando quasi a quota 27.000 “like”.

La solidarietà è arrivata anche dai V.I.P. fra cui Selvaggia Lucarelli che, su Facebook, scrive postando la foto con in mano un pacco di pasta Rummo: ”Questo è il mio pensiero per il pastificio Rummo e per gli operai che durante l’alluvione a Benevento hanno lottato contro la furia dell’acqua per salvarsi e salvare la fabbrica. Le macchine purtroppo sono andate distrutte, ci sono 200 persone a casa. Io la vostra pasta la compravo già, sono certa che nei prossimi giorni la compreranno in tanti, per aiutarvi a tornare al lavoro. (tanto il sor Barilla un tetto ce l’ha, su)”.

Il 20 ottobre, forse anche un po’ sorpresi da ciò che sta succedendo sul web, la Rummo ha pubblicato un post su Facebook, firmato direttamente da Cosimo Rummo ma utilizzando la prima persona plurale a simboleggiare l’unione di tutti coloro che lavorano per il marchio: “Siamo Onorati e Commossi da tanta solidarietà, stiamo lavorando alacremente per riportare la produzione alla normalità. Contiamo di comunicare presto i tempi di recupero a tutti quelli che ci stanno a cuore: dipendenti, clienti e le migliaia di sostenitori che negli ultimi giorni hanno espresso il proprio amore per la nostra pasta. Grazie!”.

Dato che la pasta è famosa anche nel mondo, è stato scritto anche un post in inglese: “We are very proud and touched by your support, that came from all over the world and are working hard to bring the situation back to normality. We count on communicating very soon the delays of recovery to all those we keep in our hearts: workers, customers and the thousands of supporters that in these days have shown us how much they love our Pasta. THANK YOU!!”.

Infine, anche change.org ha lanciato una petizionePer aiutare il pastificio Rummo dopo il disastro ambientale #SaveRummo”.

Insomma, chi è abituato a sparare sentenze sui social network sostenendo che possano lasciare spazio solo al peggio delle persone è rimasto deluso poiché, ancora una volta, è stato dimostrato come (quasi) nessun strumento può essere negativo o positivo di per sé ma dipende tutto da noi, dall’utilizzo che intendiamo farne.

Certo, qualcun altro potrebbe dire che, spesso, la solidarietà sui social è una cosa mentre quella reale è un’altra.

Ma, in questo caso, ci sono due obiezioni da poter fare a questo ragionamento: la prima è che, per partecipare all’evento su Facebook, si invitano gli utenti a farsi una foto con un pacco di pasta Rummo. Il che, quindi, ne presuppone l’acquisto: si passa, in questo caso, da una solidarietà via web ad una reale. E, spesso, il passaggio non è certo automatico.

Resta solo da capire di quanto siano aumentate le vendite. Per questo, sarà necessario aspettare qualche mese: il tempo che la Rummo possa riprendere le sue attività normalmente e fare le opportune analisi di mercato.

Non solo: potrebbe addirittura cercare di fidelizzare i “nuovi” clienti che hanno acquistato la pasta così da passare da una distruzione alla rinascita.

Grazie mille di avermi seguito fino alla fine di questo articolo.

Ora tocca a te.

Se questo articolo ti è piaciuto e l’hai trovato utile puoi condividerlo sui Social.

Se invece vuoi ricevere ulteriori informazioni (o anche solo esprimere il tuo parere) compila il modulo in fondo all’articolo (senza impegno) e ti risponderò al più presto oppure vieni a trovarmi sulla mia Pagina Facebook Ufficiale

Ti aspetto. Sono curioso di conoscere il tuo punto di vista.

Alla prossima – Luciano


Cosa posso fare per te e per la tua attività?

Posso aprire la Pagina Facebook per la tua attività ottimizzata e con tutte le informazioni necessarie.

Posso gestire la presenza Social della tua attività curando le pubblicazioni (anche le creazioni grafiche),  facendo crescere la tua Pagina e ottenendo i giusti contatti.

Posso curare la pubblicità su Facebook scegliendo insieme a te il giusto target, il giusto budget e misurando risultati e successi e molto molto altro.

Tu cura il tuo business che alla presenza Facebook della tua azienda ci posso pensare io 


Consulente  specializzato in Servizi e Consulenza Social Media Marketing | Campagne Pubblicitarie Social | Grafica Pubblicitaria e Stampa Digitale |  Realizzazione Siti Web. Opero in Liguria, Toscana, Lombardia, Piemonte


Modulo di Contatto
I campi contrassegnati da * sono obbligatori


Al fine di poter rispondere alle richieste di informazioni o altri quesiti è necessario dare esplicito consenso al trattamento dei dati inseriti nel presente form.
Qualora non si desse esplicito consenso non sarò in grado di rispondere alla presente richiesta e sia l'indirizzo email che il nome inseriti verranno cancellati
I tuoi dati NON saranno usati per altro scopo se non quello di dar corso a questa tua comunicazione.
Selezionando Si nel campo sottostante dichiari infine di aver letto e di accettare l'informativa sulla Privacy

Dai il tuo esplicito consenso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *